· 

"Continueranno eternamente a suonare le pietre: nasce  la Fondazione Pinuccio Sciola "


a cura di Tamara Follesa


"Io faccio quel che posso e per quel che non potrò, rimarrà da fare per gli altri"

Pinuccio Sciola


Pinuccio Sciola in una fotografia di Attila Kleb
Pinuccio Sciola in una fotografia di Attila Kleb

Ci sono emozioni così forti, così vive ed immediate, che quando ti esplodono dentro urge la necessità di condividerle, di darle libero sfogo,affinché rimangono impresse nella memoria. 

 In questa calda giornata di Luglio, dopo soli due mesi dalla sua scomparsa, i figli del più grande Artista sardo Pinuccio Sciola, con passione e determinazione, soffocando il dolore per la perdita, e lavorando con lo stesso entusiasmo che avrebbe avuto il loro padre, hanno dato vita ad uno dei più grandi sogni dell'Artista: la nascita di una Fondazione a Lui dedicata.  La Fondazione Sciola si rivolge a chiunque, e a qualsiasi titolo, voglia sostenere progetti, sogni e speranze, affinché Pinuccio continui ad essere, a nome di tutti, il nostro presente e il nostro futuro. L'eredità storico-artistica che lascia, il senso di cultura, l'impegno incessante per il lavoro e la passione per l'Arte, saranno il fondamento basilare con cui nasce l'invito a unirsi in questa missione.

 

Ma questa serata è stata molto di più di un cerimoniale di presentazione o l'inaugurazione di un Istituzione, è stata un momento di condivisione, di sorrisi, di riflessione, ma soprattutto di profondissima commozione. In un periodo storico così difficile, in una società in cui la cultura e l'arte non hanno più certezze, e spesso le prospettive future di crescita sembrano vacillare, mai come questa sera il lavoro di un solo uomo mi è apparso così immensamente profondo, straordinario e ineguagliabile. Una serata densa di emozioni in cui i contributi video con le interviste del Maestro,  si sono alternati  a splendide testimonianze, racconti di vite che si sono intrecciate ed intersecate con quelle di un Artista, che non si è mai risparmiato, non solo nell'Arte, ma sopra ogni cosa nei rapporti umani, nell'amicizia, negli affetti, nei valori della vita: quelli semplici, quelli veri, quelli rari da trovare. Anche durante l'aperitivo, la raccolta di storie e di aneddoti, è proseguita tra gli invitati, per me la maggior parte sconosciuti, eppure lì perché tutti legati da un unico grande uomo:Pinuccio Sciola

 

E allora nella suggestiva cornice del Giardino Sonoro, in cui ha seminato le sue pietre, in cui ha scavato i suoni ancestrali del calcare, ha esplorato la porosità del basalto e ha donato quei semi di pace, portatori di germogli di vita, ho capito che tutti Noi lì presenti,  non eravamo che un altro suo capolavoro: dei semi piantati da Lui in anni di amicizie, fratellanze, collaborazioni, pronti a germogliare in memoria di un uomo, un Artista, entrato nella Storia della Cultura.

 

E con questi pensieri, sotto il cielo stellato di San Sperate, nell'evocativa magia data dalla tridimensionalità dei monoliti appena illuminati, ammirando ancora una volta quelle forme, e riflettendo sulla passione di Pinuccio, forte quanto l'Arte, per la Vita, ho rinnovato tutte quelle motivazioni che mi hanno portato a intraprendere questo mestiere, senza i quali non potrei crescere ogni giorno incontrando persone uniche e straordinarie.  

 

Grazie Pinuccio, e un ringraziamento grandissimo ai suoi tre più grandi capolavori

Chiara, Tomaso e Maria, con il mio più sincero augurio affinché

le Pietre possano continuare eternamente a suonare.  


" Quando non ero, e non era il tempo,  quando il caos dominava l'universo, quando il magma incandescente celava  il mistero della mia formazione, da allora il mio tempo è rinchiuso dalla  crosta durissima, ho vissuto ere geologiche interminabili, immani cataclismi hanno scosso la mia memoria littica, porto con emozione i primi segni della civiltà dell'uomo, il mio tempo non ha tempo."

 

Pinuccio Sciola


Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    LCSIII (lunedì, 13 maggio 2019 12:56)

    (...) ..un Artista entrato nella Storia della Cultura: VERO!
    Emozionante, evocativa è la Sua presenza ad ogni frase..in tutto il testo espresso❣️��